Cosa vuol dire?

Dalla A alla Z il nostro glossario.
Ogni parola ha il suo significato e tutto deve essere chiaro.

Cerca termini di glossario (le espressioni regolari sono consentite)
Inizia con Contiene Termine esattoSomiglia a
Termine Definizione
EMAS
Il sistema di gestione ambientale Emas (Eco-management and audit scheme) è stato introdotto nel 1993 con regolamento CEE 1836/1993 e successivamente modificato con il regolamento CE 761/2001. L’Emas è uno strumento di politica ambientale e industriale a carattere volontario, basato non solo sul rispetto dei limiti di legge, che rimane un obbligo dovuto, ma sul miglioramento continuo nel principio della sostenibilità ambientale. L’Emas è in grado di fornire indicazioni strumentali e realizzative in un contesto in cui il pubblico è attivo e partecipativo nell’organizzazione ambientale dell’impresa, infatti, prevede la pubblicazione della Dichiarazione Ambientale, documento che comunica al pubblico gli aspetti più significativi delle procedure utilizzate, l’utilizzo delle migliori tecnologie disponibili e le politiche di tutela dell’ambiente che la Direzione persegue nel guidare l’operato dell’azienda.
Visite: 434
Emissione
Scarico di qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell'ecosistema, che possa produrre direttamente o indirettamente un impatto sull'ambiente.
Visite: 652
Eternit
Materiale da costruzione solido e leggero, altamente pericoloso, ottenuto per impasto di cemento con fibre di amianto.
Visite: 431
Eutrofizzazione
Quando un bacino d'acqua è eccessivamente ricco di sostanze nutritive: in esso cresce una ricca vegetazione di organismi quali le alghe che, a lungo andare, eliminano tutte le altre forme di vita privandole dell'ossigeno.
Visite: 479
Fitofarmaci
Prodotti, di sintesi o naturali, che vengono utilizzati per combattere le principali avversità delle piante (malattie infettive, parassiti e fitofagi animali, piante infestanti). Un uso improprio di queste sostanze, oltre che a creare un danno all'ambiente, può provocare nell'uomo tossicità acuta o tossicità cronica. Si definiscono anche "agrofarmaci" in contrapposizione all'impropria espressione "pesticidi" (dall'inglese pesticide).
Visite: 437
Fonti energetiche rinnovabili
Chiamate anche fonti rinnovabili: fonti energetiche rinnovabili non fossili (eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, maremotrice, idraulica, biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas). In particolare, per biomasse si intende: la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall'agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani (D.lgs 29 dicembre 2003, n. 387 in attuazione della DIR. 2001/77/CE).
Visite: 465
Frazione multimateriale
E' una tipologia di suddivisione dei rifiuti che identifica un materiale che si può recuperare ma che non è separato, ad esempio composto da carta, plastica, imballaggi generici, prodotti tessili, legno .
Visite: 518
Frazione umida
E' una tipologia di suddivisione dei rifiuti che identifica le sostanze organiche, ad esempio scarti alimentari, foglie, rami tagliati, ecc.
Visite: 465
Gas serra
Alcuni gas, tra cui il metano, l'anidride carbonica, i CFC, emessi da vari processi, contribuiscono al riscaldamento globale del pianeta intrappolando il calore tra la terra e l'atmosfera.
Visite: 912
HDPE
Polietilene ad Alta Densità, tipo di materiale plastico, utilizzato in particolare per l’impermeabilizzazione degli impianti di discarica.
Visite: 476
Humus
Insieme di sostanze organiche che, decomposte o in decomposizione, rappresentano la parte più attiva del terreno sotto l’aspetto chimico-fisico.
Visite: 447
Imballaggio
Prodotto, composto di materiali di qualsiasi natura, adibito a contenere e a proteggere determinate merci, dalle materie prime ai prodotti finiti, a consentire la loro manipolazione e la loro consegna dal produttore al consumatore o all'utilizzatore, e ad assicurare la loro presentazione, nonché gli articoli a perdere usati allo stesso scopo (art. 35, lett. a), Decreto Legislativo 22/97). Gli imballaggi si dividono in: primari, a contatto con la merce venduta; secondari, per tenere insieme diverse unità di vendita; terziari, per facilitare il trasporto di grandi quantità di oggetti.
Visite: 466
Impatto ambientale
"L'insieme degli effetti rilevanti, diretti e indiretti, a breve e a lungo termine, permanenti temporanei, singoli e cumulativi, positivi e negativi, che progetti, pubblici o privati, hanno sull'ambiente inteso come insieme complesso di sistemi naturali ed umani." (Art.2 lettera a L.R. 9 del 18 maggio 1999 mod. L.R. 35 del 16 novembre 2000).
Visite: 657
Inerti
Scarti provenienti da demolizioni edilizie.
Visite: 458
IPPC
Acronimo di "Integrated Pollution Prevention and Control" riguarda la prevenzione e la riduzione dell'inquinamento come definito nel 1996 dalla Direttiva 96/61/CE (Direttiva IPPC). La Direttiva IPPC recepita dalla normativa Italiana (D.Lgs 4 agosto 1999 n°372, DM 23 novembre 2001, D.Lgs 18 febbraio 2005, n.59). Ha lo scopo di minimizzare l'inquinamento causato dalle varie sorgenti situate in tutta la UE, e prevede per tutti i tipi di impianti elencati nell'Allegato 1 della Direttiva la necessità di ottenere autorizzazioni integrate dalle autorità dei vari paesi, in assenza delle quali non potranno operare.
Visite: 436
Rimani aggiornato con la nostra newsletter!
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

Utilizziamo cookie tecnici e di profilazione (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie; in alternativa, leggi l'Informativa Estesa e scopri come disabilitarli.